Alone In Madness
Gig Seeker Pro

Alone In Madness

Band Metal Rock

Calendar

This band hasn't logged any future gigs

This band hasn't logged any past gigs

This band has not uploaded any videos
This band has not uploaded any videos

Music

Press


This band has no press

Discography

Still working on that hot first release.

Photos

Bio

Il gruppo nasce nella primavera del 2006 grazie all'idea del chitarrista Antonello Mei, che, mediante annunci su internet, recluta quella che sarà la prima line-up ufficiale: Andrea Congiu alla voce, Antonello Mei alla chitarra, Giuseppe Siddi al basso, Davide Martello alla batteria, Luca Lilliu alle tastiere.
Dopo alcuni mesi di rodaggio e qualche registrazione di cover del gruppo goth-rock H.I.M., Luca Lilliu abbandona la band per dedicarsi totalmente al suo progetto Night Sight.
Inizia così, con un line-up di 4 elementi, la composizione dei primi pezzi originali, che hanno sempre teso ad amalgamare fortissime diversità musicali in un genere che progressivamente e velocemente tendeva ad allontanare da sé la componente “love metal� per far posto a multiformi divagazioni nell'hard rock, nell'heavy metal e nel gothic metal, velate sempre da una fondamentale nota esistenziale e poetica, percepibile nei testi e nelle melodie nonostante un forte inasprimento del suono e del cantato.
Sono di questo periodo pezzi come:
“Lust For Evil�, “Too Late�, “In Oblivion�.
Col passare del tempo la difficoltà di esprimersi con arrangiamenti forzatamente minimali porta il gruppo a voler reclutare nuovamente un tastierista, sia per meglio arrangiare i brani già esistenti, sia per poter eseguire pezzi di nuova composizione che tendevano ad inserire una prepotente componente melodica e sinfonica all'interno dello stile presentato e già allora riconoscibile.
Dopo aver provato senza successo qualche alternativa, il gruppo trova la sua ideale condizione compositiva, tecnica e umana con l'entrata del tastierista e violinista Fabrizio Defraia (Verbo Nero), che fin da subito mostra le sue enormi capacità dando un fondamentale contributo alla maturazione dello stile musicale degli Alone In Madness, con apporti che vanno dal neoclassico all'industrial.
Dopo pochi mesi di lavoro col nuovo elemento, che rendono possibili ulteriori passi avanti, inizia anche l'attività live del gruppo, che, seppur sempre rallentata da problemi e dalla costante e frenetica attività di composizione, inizia a dare alla band più di una soddisfazione.
Tutto sembra procedere per il meglio, tuttavia, nell'ultima metà del 2007 il chitarrista Antonello Mei è costretto a lasciare il gruppo per motivi personali.
Viene sostituito da Roberto Cotza (ex Natrium e Warpigs), che si rivela subito oltre che un ottimo musicista anche un ottimo amico, dando subito un contributo fondamentale sia al miglioramento dei pezzi esistenti che alla stesura di pezzi nuovi, come la thrash-ballad “To The Only One On Earth�, che risulta essere uno dei pezzi più apprezzati in assoluto del combo cagliaritano.
Con questa ormai stabile line-up continua il lavoro di composizione e di perfezionamento, che continua ininterrotto, anche nonostante recenti gravi problemi.
Attualmente il gruppo si prepara a futuri live e alla preparazione del materiale per il primo EP ufficiale.