Divenere
Gig Seeker Pro

Divenere

| INDIE

| INDIE
Band Alternative Rock

Calendar

This band hasn't logged any future gigs

This band hasn't logged any past gigs

Music

Press


Colonna sonora ideale per lo spleen del nuovo millennio, “The Snow Out Of Her Apartment” si caratterizza per la ritmica marmorea ed efficace, al quale si affiancano spesso soluzioni elettroniche brillanti e di grande impatto. Registrato, missato e masterizzato presso OzStudio da Claudio Spagnuoli, che firma anche la produzione artistica, l’album è composto da 11 tracce. L’artwork è stato curato da Paolo Soellner

RBL Music Italia è lieta di rendere disponibile il promo digitale di “The Snow Out Of Her Apartment”, il nuovo album dei DIVENERE, progetto rock wave romano che, nell’intreccio tra chitarre, voce e sezione ritmica, mutua il sound pulito ed etereo dalla matrice wave più contemporanea e di respiro internazionale. Il disco, distribuito in licenza da edel Italia, sarà disponibile su iTunes e in tutti i negozi a partire dal 23/10/2012. E’ inoltre disponibile in pre-order su iTunes dal 02/10/2012.


BIOGRAFIA

Si formano a Roma nel settembre 2005 dall'unione tra Danilo (Core), Claudio (èLenoiRe) e Stefano. Nel 2008 dopo vari cambi di line-up si aggiungerà definitivamente Dario al basso.
Il progetto parte dalle diverse e pregresse esperienze maturate nel corso degli anni (opening act per: Afterhours, Linea77, Verdena, One Dimensional Man, Caparezza, Mistonocivo, Further Seems Forever, From Autumn to Ashes, Friday Star, Hundred Reasons, Trabant, The Foals, Slut, The Niro, Yuppie Flu, etc) e si muove nella continua ricerca di uno stile proprio e personale. Le influenze artistiche che confluiscono nella loro musica, spaziano dal rock alla new wave, passando per l’indie e l’elettro fino a raggiungere le sonorità tipiche del post rock alternativo nord europeo, conservando una definita identità melodica ed un’attitudine eclettica e nervosa.

In gennaio 2007 danno vita all'OzStudio a Roma e questo li porta ad avere il controllo totale sulla loro produzione artistica nella piena accezione del termine Indie. Si esibiscono un po’ ovunque in molti locali e piazze della capitale e non solo. Nel 2008 pubblicano il loro primo album “IN/VERNO”. Realizzano videoclip tra i quali “Stella Muore”, che riesce a raggiungere i canali nazionali entrando i rotazione su AllMusic, ed il video di “Monochromatic Butterfly”, regia di Beppe Blasi e Renzo Angelillo che arriverà alle finali del PIVI – Premio Italiano Videoclip Indipendente 2010.
Inoltre nel 2010 il brano “Monochromatic Butterfly” viene scelto per far parte di una compilation "Riot on Sunset 12" dell’etichetta discografica “272Records” di Hollywood (LA), e si ritroverà in vendita su Amazon.com e nei negozi di dischi della California, oltre ad essere trasmesso da varie stazioni radio californiane.
Tra il 2010 ed il 2011 registrano un nuovo Ep “Your City Light On” che dal 18 giugno 2012 è in free download sul sito della Diavoletto Netlabel. L’ultimo lavoro “The Snow Out Of Her Apartment", in uscita il 23 Ottobre per RBL Music Italia, è un viaggio ricco di atmosfere, sonorità e stati d'animo uniti saldamente da un mood malinconico che traspare dalle 11 tracce del disco, racchiuse in un sound personale e ricercato. - RockIt


Rolling Stone presenta in esclusiva il videoclip del singolo “Something, Somewhere” dei Divenere, estratto dall’album “The Snow Out of Her Apartment” in uscita il 23 Ottobre.

Per le riprese di questo video “i romani Divenere si sono affidati a film muto ma pieno di musica irresistibile”. Per la regia di Paolo Marchione, “Oggi vi presentiamo in anteprima il prodotto finito, senza svelarvi altro per non rovinarvi il gusto della sorpresa che mai come in questo caso va… conservata fino alla fine!”

Continua a leggere l’articolo su www.rollingstonemagazine.it - Rolling Stone Italy


romana), ma provano a inventarsi qualcosa di personale. Non sempre, però, riescono a centrare il bersaglio, quasi mancasse loro la giusta chiave per assemblare il tutto; quando ad esempio provano con degli inserti di tastiera la formula a tratti zoppica, proprio come avviene nel finale di "You (know how to) Love Me Quietly", potenziale singolone alla Death Cab For Cutie di "Meet Me On The Equinox", dove all'improvviso compare una tromba a smorzare il ritmo, fino a trasformare il pezzo in una bossanova. L'idea in sè non sarebbe malvagia, purtroppo la resa non è delle migliori. Dicasi lo stesso di"Something, somewhere", appesantita da alcuni synth di stampo decisamente eighties che forse avrebbero funzionato se la band avesse speso un po' di tempo in più nell'arrangiamento.

Per cui, siamo costretti ad ammettere che i brani meglio riusciti sono quelli il cui sound ricalca in pieno i modelli stilistici che potete immaginare (ovvero Editors, Muse e finanche i 30 Second To Mars): "Modern star", "You start fading", "In conscience", "Love loses emotion" e la title-track su tutti avrebbero fatto un figurone se racchiuse tutte in un ep – e le rimanenti tracce lasciate nei cassetti a maturare. Non è andata così, ma va dato atto alla band di aver fatto completamente da sola; e quando il risultato finale è di questo livello, allora i complimenti valgono doppio.

» SCHEDA
ALBUM
copertina album The Snow Out of Her Apartment Divenere

Play
1. The Snow Out of Her Apartment
Play
2. In Conscience
Play
3. Love Loses Emotion
Play
4. Something Somewhere
Play
5. Eat My Light
Play
6. Modern Star
Play
7. Sometimes
Play
8. You (know how to) Love Me Quietly
Play
9. Thirteen
Play
10. You Start Fading
Play
11. Silence

Consigliati

Gli utenti che hanno letto questa recensione hanno letto anche:

Mamavegas - Hymn for the Bad Things
Compilation - One of My Turns, a tribute to Pink Floyd
controfase - Rispettabili criminali e comuni mortali
Wora Wora Washington - Radical Bending
La Morte - La morte

Dopo i primi ascolti, quelli necessari per approcciarti a un disco inedito, avevo messo da parte questo esordio, nell'attesa che svelasse ulteriori dettagli; non ero infatti ancora in grado di formulare un giudizio compiuto e forse ancora oggi ci sarebbero dei margini su cui ragionare.

Giusto per anticipare i detrattori, i Divenere non sono di nulla di trascendentale: il sound pesca a piene mani - senza vergogna - dal revival della new-wave e si fonde, in alcune occasioni, con le chitarre dei primi Radiohead, ovvero di quando ancora non si erano sposati col loro storico produttore (Nigel Goldrich) ma si affidavano alle mani di John Leckie. E sono innamorati a tal punto di quei suoni che in "Sometimes" arrivano persino a citare palesemente "Nice dream", ricantandone praticamente un passaggio. Per fortuna non si fermano al solo revival (che, detta così, non rende merito alle canzoni della formazione
Se sul palco riusciranno a risultare altrettanto convincenti - siccome in studio pare sappiano cavarsela egregiamente - c'è qualche speranza anche per loro di ritagliarsi uno spazio dentro e fuori i confini nazionali. - Linea77


(Translated from Italian)
The return of Divenere with the 2nd disc of their career, is very strong. They are prime examples of teh new wave of indie Roman rock, and they combine perfectly the solemnity of the 80's new wave artists with a sense of epic modern pop/rock. - Spazio Rock



DIVENERE – intervista

“The Snow Out Of Her Apartment”

nov 25, 2012 in Interviste

Testo di: Annalisa Nicastro

I Divenere sono un gruppo romano che si forma nel 2005 ed è composto da da Danilo Loprete (voce e chitarra), Claudio Spagnuoli (voce, chitarra e tastiere), Dario De Rosa (basso) e Stefano Aniceto (percussioni). Il loro sound strizza l’occhio a sonorità molto internazionali, soprattutto nel loro nuovo album “The Snow Out Of Her Apartment”. Ci ha fatto molto piacere chiacchierare con loro sulla musica e sui loro progetti, un po’ di aria fresca che entra da una finestra aperta sul Mondo! Leggete cosa ci hanno raccontato!

Il vostro sound è molto internazionale, come vi sentite in Italia?
Artisticamente parlando, ci sentiamo in prigione, e un po’ frustrati per la consapevolezza che se fossimo nati in un altro posto la nostra strada, come musicisti, sarebbe stata di sicuro più semplice. Ma l’Italia, per noi, è solo il punto di partenza, anche se sarebbe ora che questo Paese cominciasse ad essere un po’ più internazionale. Non possiamo essere sempre dieci anni indietro rispetto al resto del mondo. E non parliamo solo di musica.

Come è nato il vostro nuovo disco? C’è un leit motiv che lega le canzoni dell’album?
“The Snow Out Of Her Apartment” nasce dall’esigenza di esternare una serie di stati d’animo e di sensazioni, che sono poi il vero leitmotiv del disco. Abbiamo lavorato tanto in studio perché avevamo qualcosa da dire, e volevamo che il tutto trapelasse soprattutto dalla musica. E’ un disco malinconico, ma con tanti punti di luce.

Quali sono le fonti di ispirazione per i vostri testi?
Fondamentalmente le nostre personali esperienze di vita, ma quello che spesso arriva attraverso i testi, sono flash e immagini. E per dirla tutta, non è poi così importante che il nostro messaggio arrivi così com’è, ci piace l’idea che ognuno possa vivere e rivivere le proprie emozioni attraverso le nostre canzoni.

Ci parlate meglio del vostro Oz Record Studio a Roma e della vostra necessità di aprirlo?
Lo studio è nato conseguentemente alla necessità di assumere il pieno controllo sulle nostre produzioni. Poi siamo felicissimi che tante band, anche lontane da noi come genere, stiano affidando le proprie produzioni alle mani di Claudio, sfruttando la magia dell’Oz.

Cosa ne pensate della scena indie, soprattutto italiana?
Pensiamo che sia davvero limitata e soprattutto soffocata dall’ignoranza e dalla pochezza culturale che questo paese offre. Ovviamente parliamo di musica. I talent show e la televisione hanno preso il sopravvento su tutto, sfornando un numero incredibile di artisti che durano giusto il tempo di uno schiocco di dita. Zero programmazione, zero investimenti a lungo termine, zero tentativi di inculcare una nuova cultura musicale. L’unica cosa positiva è che più in basso di così difficilmente si potrà andare.

Annalisa Nicastro - Sound 36


Discography

In Winter - Album
Your City Light On - EP
The Snow Out of Her Apartment - Full Length Album

Photos

Bio

DIVENERE was formed in Rome in 2005, and members have opened for Italian greats such as Afterhours, Linea77, Verdena, One Dimensional Man, Caparezza, The Foals and many more.

Divenere has an eclectic and fragile attitude that is brought to life by a giant twist of rock! They sing in English (although they are Italian), and artistic influences range from rock to new-wave, electro-pop to alternative rock.

In 2012 they built their own Record Studio in Rome, which has allowed them to achieve total control over all artistic production. DIVENERE’s first album was released in 2008 "IN/VERNO". The release of two videos followed; "Death Star", which reached rotation on major Italian channels such as AllMusic, and "Monochromatic Butterfly" that was nominated for a PIVI - Italian Independent Video Award for best videoclip of 2010.

2010 also saw the song "Monochromatic Butterfly" chosen to be part of the compilation "Riot on Sunset 12" by the record label 272 Records in Hollywood, LA. This was then transmitted on numerous radio stations across the West Coast.
Divenere released the EP "Your City Light On" in early 2011.

The latest work, "THE SNOW OUT OF HER APARTMENT" is a journey through alternating moods and sounds held together firmly by melancholy. The bands characteristics shine through the discs 11 tracks, which provide a personal and elegant sound that listeners can connect to easily.

Their latest single is called “MODERN STAR”, released September 2013.

LABEL: RBL MUSIC ITALIA