Francesco Manfredi

Francesco Manfredi

BandFolkAcoustic

Come tutti i cantastorie, Francesco Manfredi canta e racconta, dialoga col pubblico. Ma a differenza degli altri cantastorie le sue sono "canzoni per bambini adulti", che rendono surreale il quotidiano attraverso latticini parlanti, granchi violinisti, funghi innamorati.

Biography

Francesco Manfredi è cantautore, autore e produttore indipendente. Come musicista e tecnico del suono ha collaborato con MEDIASET, RAI TRADE, Regione Lazio. Ha composto e prodotto con la sua etichetta Fungosound, oltre ai propri album, musiche per teatro, danza, pubblicità, sigle televisive, cartoni animati, podcast e documentari. Per conto della Regione Lazio ha insegnato Music Production e Ingegneria del Suono. Come autore ha vinto la borsa di studio SIAE e si è diplomato presso il CET di Mogol. Ha scritto testi e musiche di commedie musicali per ragazzi (andate in scena tra gli altri al Teatro Ambra Jovinelli e al Teatro Sistina di Roma). Nel 2009 è sato finalista al Premio Bindi e ha vinto il Festival delle Arti con la Banda dei Poeti Estinti, da lui fondata. Nel 2010 la trasmissione Demo di Rai Radio 1 gli ha dedicato una puntata speciale.

Lyrics

mi fingo fungo

Written By: Francesco Manfredi

Sono dentro un bar fermo ad osservar
e quel che vedo non ha senso
Poi un sorriso mi apre il mondo
chiudo gli occhi e ci sprofondo
''vuol sedersi lì? Provare il nostro drink ?''
le sta chiedendo un cameriere
''no mi faccia un bel gelato come quello che ha portato
al tipo moro che ha servito prima
e ora fissa la vetrina con lo sguardo assente''
''è sicuro di star bene ? Innamorarsi non conviene''

ed è così che mi fingo un fungo
e mi nascondo per resisterle più a lungo
è vero sì, son sempre assorto
ma in fondo aspetto solo di esssere raccolto

esco da quel bar e non so come far per ritrovare il mio cammino
poi riprendo a lavorare e tutto torna
come quando mi hai trovato prima
e fissavo la vetrina con lo sguardo assente
io ti voglio già un po’ bene ma chissà se mi conviene…

io son così, mi fingo un fungo
mi mimetizzo per resistere più a lungo
è vero sì, sembro scontroso(ti sembro ombroso)
ma ti assicuro che non sono velenoso

per te esco dal bosco e corro il rischio di finire un fungo arrosto
uoo io son così

io son così, mi fingo un fungo
io mi nascondo per resisteti più a lungo
io son così, mi fingo un fungo
ma in fondo aspetto solo di esssere raccolto

Soli in questo bar fermi ad osservar
e quel che vedo adesso ha senso
Il tuo sorriso mi apre il mondo
chiudo gli occhi e ci sprofondo

Storie di latticini

Written By: Francesco Manfredi

Io sono un provolone e viaggio dentro un furgone

Appeso tra un cotechino, una caciotta e un salamino

io sono un provolone il sesso la mia ossessione

per questo mi han confinato dentro al reparto affumicato

Ma adesso io son cambiato, mi sono innamorato

di quella mozzarella così fresca e così bella

Io sono un provolone ma non sono un mascalzone

Nel cuore un grande slancio, salto nel vuoto da questo gancio

volteggio due volte in aria come in un'arte millenaria

rimbalzo tre volte a terra e son già pronto per la mia guerra

“Buongiorno come ti chiami? O dimmi almeno da dove vieni

Noi siamo tutti campani, tranne i salumi che son silani”

“Io vengo da Caserta e non sono molto esperta

perciò mi han detto stai accorta a chiunque faccia la mano morta!"

"Tranquilla, io non ti tocco, son coraggioso ma non son sciocco
posso sembrare un po' piccante, ma sarò dolce per la mia amante"
Lei mi guarda un po' altezzosa, poi credendosi spiritosa:
"Mi spiace darti una delusione, per me sei solo un provolone!"

(SOLO DI CHITARRA)

Poi tutti in coro mi hanno deriso, ci fosse uno che mi ha difeso

Che brutta fama ha il provolone quasi m’impicco col mio cordone

Ma io sono un provolone e viaggio dentro un furgone

Appeso tra un cotechino, una caciotta e un salamino

A peso sarò venduto al primo sconosciuto

e non rimpiango d’aver vissuto ma d’aver amato senza esser credu

Il Gippone

Written By: Francesco Manfredi


Ho un gippone che ogni copertone
costa quanto lo stipendio medio di dodici persone
su sterrato io non l'ho mai portato
ma metto un po' di fango sulle gomme per renderlo vissuto
se ci sali ti metterà le ali
l'unico problema è che son pieno, pieno di cambiali

Sono un italiano che ci posso fare? vivo solamente per mostrare
mostrare a tutto il mondo che sono speciale
col mio gippone verde militare
come Valentino da indossare, come Parmigiano da esportare
vieni qui vicino vienilo a toccare, ritroverai la voglia di sognare

Ho un gippone che in accelerazione
consuma come un treno merci e sgomma col rinculo di un cannone
la testata io l'ho modificata
e quando vado a prendere una donna rimane impressionata
perché il sesso, va bene lo confesso,
se non andassi in giro col gippone lo farei solo con me stesso

Sono un italiano che ci posso fare? vivo solamente per mostrare
mostrare a tutto il mondo che sono speciale
col mio gippone verde militare
come Valentino da indossare, come Parmigiano da esportare
vieni qui vicino vienilo a toccare, ritroverai l'orgoglio nazionale

come Valentino nel mondiale, come morellino da invecchiare
vieni qui vicino vienilo a provare il mio gippone verde militare
come Valentino da indossare, come Parmigiano da esportare
vieni qui vicino vienilo a toccare ritroverai la voglia di sognare

ho un gippone che viene dal Giappone
ma sono un italiano disperato abbiate compassione

Discography

vari brani sono stati trasmessi su radio RAI 1, altri sono stati in scena nei principali teatri italiani (tra cui Ambra Jovinelli e Sistina di Roma) come parte di commedie musicali . Il cd Cucumber Tree è in vendita on line in tutti i principali music stores.

Set List

lo spettacolo si divide in due set di 45 minuti corrispondenti in ordine sparso al cd Cucumber Tree e al cd Amore e latticini. Eventuali cover di De Andrè.