Kill The Nice Guy
Gig Seeker Pro

Kill The Nice Guy

Band Rock Punk

Calendar

This band hasn't logged any future gigs

This band hasn't logged any past gigs

This band has not uploaded any videos
This band has not uploaded any videos

Music

Press


"Alone Music"

This Is A Toy For A Child / This Is A Toy For A Man è il secondo EP dei Kill The Nice Guy che segue una prima autoproduzione del 2004. Nello spazio temporale che divide i due lavori ci sono un numero considerevole di date live, diverse partecipazioni a contest e festival ed anche riconoscimenti e premi rilevanti dei quali il più importante è certamente la vittoria del Rock Contest nel 2007.
Un EP che vede la luce dopo un periodo di lavoro intenso, cosa che si palesa già da un primo ascolto: i 6 pezzi sono strutturati ed eseguiti in maniera pressoché perfetta.
Il background musicale di riferimento è soprattutto la scena noise-grunge americana (Sonic Youth, Mudhoney... ) dalla quale il gruppo riprende l’uso potente del suono elettrico; a questo è unita una buona cura dei testi (in inglese).
Nel complesso la musica risulta abbastanza scura, a tratti ruvida, ma con una forte componente di fascino e carattere probabilmente dovuto anche al considerevole apporto femminile (2/3 del gruppo).
A prescindere da quelli che possono essere gusti personali i brani sono posizionabili su una linea ordinata: sono tutti simili ma allo stesso tempo sviluppano ognuno una propria dimensione Lula e Naive Wicked sono nere e graffianti, Dull Nerve diretta e arrabbiata, Girl Boy Girl dal suono più pesante, Killer Lady dal ritmo ossessivo, fino a Shout particolarmente intensa.
Un cd da ascoltare ad alto volume e sicuramente i brani risulteranno ancora migliori nella dimensione live dato che sono tutti composti nient’altro che con chitarra basso e batteria.

Per Lula è stato realizzato anche un videoclip diretto dal visionario Graziano Staino, regista tra gli altri di video per Afterhours, Marco Parente, Beatrice Antolini e Diaframma. - il portale della musica al femminile


"Femme Rock"

Titolo emblematico (per capirlo bisogna dare un'occhiata alla copertina) per questo nuovo lavoro dei toscani Kill The Nice Guy, che segue a distanza di tre anni il precedente demo auto-titolato. Sei scariche rock piuttosto tetre e claustrofobiche che dimostrano quanto la band ami e sia debitrice delle sonorità dei Sonic Youth. Tra noise rock e grunge, chitarre abrasive e bassi distorti, questo terzetto per tre quarti al femminile riesce a tirare su un cd più che discreto, forse un po' acerbo ma cattivo e grintoso al punto giusto, e con tutte le carte in regola per interessare i fan del cosiddetto "indie rock" alla ricerca di nomi un po' diversi dai soliti. La qualità della registrazione non è sempre perfetta, ma dopotutto il genere non lo richiede, anzi, sono sicuro che una produzione iper-cristallina poco avrebbe giovato a una band che fa del suo "essere underground" un suo punto di forza.

- la webzine sulle voci femminili del rock


"Rockit"

Una ragazza ride e la sua risata apre le porte dell'inferno in cui tutti i ragazzi carini bruciano tra le fiamme per la gioia di noi brutti, assatanati, sudati e incattiviti.
È la proverbiale risata che vi seppellirà seguita dall'urlo di guerra "Discoteche al rogo, fighetti dentro al pogo!", ve lo ricordate? Ok, i tempi sono cambiati e la discoteca è stata sdoganata e il pogo sembra essere rimasto appannaggio dei soli punk e metallari, ma è evidente: il rock non si rassegna ad essere roba per poser con la pettinatura giusta e la chitarrina che fa ceke ceke, la schiera di personaggi che quando salgono sul palco o entrano in studio hanno tutta l'intenzione di far tracimare il loro suono fuori dalle casse, giù per le strade, dentro nelle case è tutt'altro che estinta e tende anzi ad allargarsi.
Kill the nice guy è un trio toscano formato per due terzi da donne, particolare non da poco, perchè trattasi di quelle fanciulle che di fronte ad un microfono si guardano bene dal sussurrare, che imbracciano la chitarra come fosse un'arma e che iscrivono i loro nomi in quella lunga scia di cui Karen O' è soltanto l'ultima esponente di spicco. Riot Grrrl erano chiamate ed evidentemente hanno ben seminato. L'ep di questi tre ragazzi, anzi di queste ragazze e del loro compagno batterista, è una bomba piena di chiodi e lamette che deflagra e distrugge, è una presa di posizione netta e categorica, grunge e noise acido, Pj Harvey agli inizi, i Sonic Youth, gli Yeah Yeah Yeahs, le L7, le Sleater Kinney e tutta la compagnia dedita a terrorismo sonico, insomma roba buona, da ascoltare facendo headbanging e tornando a esercitarsi con la sacra arte del pogo. Magari contro i muri della propria stanza, così da non farci cogliere impreparati nel momento in cui ci sarà l'apocalisse e tutti i dannati del rock torneranno tra di noi a reclamare il giusto tributo di teenage angst. - di Nicola Bonardi


Discography

Kill The Nice Guy
Gennaio 2005

This Is A Toy For A Child / This Is A Toy For A Man
Ottobre 2008

Photos

Bio

Kill The Nice Guy è un power trio formatosi nel 2003 tra Prato e la provincia fiorentina.

2004: Il gruppo registra il primo demo autoprodotto contenente 5 brani. All'interno dell'album il brano "Be Honest", premiato come miglior singolo un anno più tardi in occasione della Finale Nazione di Emergenza Festival.

2005: Il gruppo partecipa al Taubertal Festival di Rothenburg (D) come miglior band italiana e divide il palco con Mando Diao e Bad Religion.

2006: La band viene selezionata tra i 27 finalisti dell’Heineken Jammin Contest.

2007: Il gruppo viene premiato come band vincitrice della 19° edizione del Rock Contest (concorso organizzato e supportato dall'emittente radiofonica fiorentina Controradio).

2008: La band si dedica ad una intensa serie di esibizioni live dividendo il palco con gruppi come Gang Of Four, L’Enfance Rouge, Gogol Bordello, Bobo Rondelli, Piero Pelù e molti altri.

Hanno appena ultimato l'EP "This Is A Toy For A Child / This Is A Toy For A Man" ed il videoclip del brano "Lula" realizzato da Graziano Staino.