NIDI D'ARAC
Gig Seeker Pro

NIDI D'ARAC

| INDIE

| INDIE
Band Alternative Avant-garde

Calendar

This band hasn't logged any future gigs

This band hasn't logged any past gigs

This band has not uploaded any videos
This band has not uploaded any videos

Music

Press


- Babel Med Music
(...) Pero sin lugar a dudas, el concierto que màs me impresionò fue el grupo italiano de la Regiòn de Salento, Nidi d'Arac, una formaciòn de 'folk alternativo' liderada por el mùsico y cantante Alessandro Coppola. Nidi d'Arac nos hizo vibrar con su potente puesta en escena, fusionando con espectacularidad y autenticidad la mùsica tradicional con la moderna, combinando todos los elementos culturales que existen en la 'pizzica'. - Albert Reguant


For the past decade, Nidi d’Arac have been experimenting with mixing the music of the Salento region of southern Italy with electronica and contemporary dance beats, but on this la test release, Salento senza tempo (Timeless Salento) they have returned to examine their roots with an acoustic album. Bandleader Alessandro Coppola is a passionate researcher of traditional sources, so Nidi d’Arac are well versed in the culture of the area and the acoustic setting of the album highlights that the band are equally accomplished on acoustic instruments as they are manipulating digital sounds. The result is a more relaxed and expansive feel to their sound with attractive textures largely constructed from guitar, violin, mandolin and percussions with additional instrumentation from some distinguished guests. A. Pesce (piano), C. Prima (accordion), Albanian cellist Redi Hasa and the percussion ensemble Tamburellisti di San Rocco all lend their talent sto enhance the elegant arrangements. Nidi d’Arac show due respect to the traditional sources and styles, but their approach is far from purist. 'Nnazzu Nnazzu' has a dub reggae rhythm, Aremo Rindineddha has Arabicflavoured swooping strings and Sia benedetto ci fice lu mundu contrast a neapolitan mandolin against a pizzica rhythm. The traditional songs, Coppola compositions and short instrumental interludes work wonderfully in the acoustic settings, which also highligh Coppola's smoky voice, Vera Di Lecce's contrasting singing style and Rodrigo D'Erasmo's varied and adept fiddle lines.
By taking a break from the electronic side of their music, Nidi d’Arac have found new inspirations and a different side to their sound and created a refreshing and invigorating album.
- Michael Hingston


Nidi d’Arac a ètabli sa renommèe dans les raves italiennes en produisantune ethnotrance dèbridèe . Comme pour marquer une parenthèse à leurs aventures soniques, le groupe italienne sort un album
de folk-rock beau et èpurè. Alessandro Coppola, son leader charismatique , a choisi un rèpertoire allant ses propres compositions aux chants traditionnels du Salento, au sud-est de l’Italie. Issu lui-meme de la ville de Lecce, Coppola affirme son attachement profond au patrimoine populaire de sa ragion natale. Les dialectes, l’art des tambourinaires, les tarentelles, les douces sèrènades, les chants issus de la culture hellèniste, les mèlopèe ayant pour themes l’enracinement des uns, l’exil des autreset meme le ressentiment face à la trahison sont magnifies par le jeu instrumental et vocal plein de conviction et d’ intensté des musicians.(…)
- P.C.


L. Blackstone talks with Alessandro Coppola about the importance and meaning of 'roots' in 21st Century Puglia

Saturday, February 26, 2006

New York City is in the grips of a cold winter day, but the sun has come to the Casa Italiana Zerilli-Merimo, which houses the Department of Italian at New York University. Inside are a gathering of folks drawn to learn more about Puglia, Italy. The southern peninsula of Italy is rich in cultural influences handed down through the ages, whether Greek, Roman, Saracen, Norman, Turkish, Spanish, or French. But on display this frigid afternoon is nothing less than tremendous pride in an Italian region now burgeoning with musical and cinematic talent. And wine, of course, always wine.

"Nidi D'Arac began in 1998, almost ten years ago," says a relaxed Coppola after the show. It is clear that Coppola, who is also a sociologist/ ethnomusicologist, had a particular vision for the band: to "interpret the Italian past and folk music for how young Italians perceive the culture now." While the band's roots lie in southern Italy, Nidi D'Arac have based themselves in Rome to, according to Coppola, "get the metropolitan perspective."

Vera di Lecce
Photo - Lucia Aiello
Creating and mixing cultures is an important aspect of the Nidi D'Arac project, and how Coppola views the band's relationship to folk music. Folk music can be interpreted as being either conservative, exalting past ways of life, or forward-thinking. In a Europe united by the Euro, it could be the case that turning to one's roots might be mistaken for a form of nationalism. Coppola is very careful to distance himself from such associations.
"In Italy, in the 1970's, the folk music revival was a protest kind of music. It was of the people, of the country people," Coppola explains. "The proletariat were unhappy. So bands were made up of blue-collar workers and peasants, and they sang traditional music as a protest against the capitalist system. So, even today, the traditional folk songs are a left-wing tradition. Nidi D'Arac are about folk music and progress. So, we see ourselves as part of this continuum; to say, we are of the people, the new generation, mixing cultures and society."
Nidi D'Arac's latest CD, St. Rocco's Rave, is a clear indication of how adept the band is at mixing traditional folk music with electronica. The beats are bigger, as on the grinding title track. But all the elements that make Nidi D'Arac sonically mysterious are present in abundance: Coppola's soaring voice, violin and flute, tambourine flourishes, dub and echo flitting about the production. It is an album where the band sounds incredibly confident and not a song is misplaced. St. Rocco's Rave takes nthe meeting of the past and the future as far as it can go.
Combining the influence of traditional melodies and songs with electronica can be incredibly difficult to carry off successfully; if either is pasted onto the other without thought, the result can be a mess. It is a process that Coppola deeply respects.

Coppola and Uccio Aloisi
Photo - Lucia Aiello
"Consciousness," Coppola says, "is the base for all music. You have to know the roots, before you can mix cultures. I've studied the roots, which is a very serious thing to do, to seriously study the region and then to appreciate the evolution of the music. I studied with older, local men, such as Uccio Aloisi, who is 78 years old and very popular with the young. I listened and studied to the same people that anthropologists observe...I have also been interested in the French sociologist Georges Lapassade, who noted the connections between the tarantella and trance music, which we can connect to raves."
The trance/rave connection is made explicit in the band's video for the song "Gocce" ("Drops") from St. Rocco's Rave. The band's performance is intercut with older black and white footage from the 1960 documentary film 'Taranta' by Professor Gianfranco Mingozzi. The Tarantism ritual was a means of healing people who believed that they had been bitten by the tarantula spider, and the whole community would be called in to free the person from the spell of the bite. Musicians would play; the victim would be laid on a white sheet; and prayers would be offered to Saint Paul, the protector of tarantula bite victims. Interestingly enough, many of the victims of the tarantula bite were women; and whether or not the women were actually bitten by the spider is questionable. The trance-like possession offered a way for many female peasants to 'act out' in a strongly patriarchal society. Coppola sings of the holy water being dropped onto the sick person's head during the ritual, but the tenth drop is "the poison of taranta!" The juxtaposition of the indigenous local instruments seen in the archival footage with the modern instruments employed by Nidi D'Arac, along with the magic of the ritual itself, makes for an unusual and mesmerizing video.

Alessandro Coppola
(Photo - Lee Blackstone


Nidi d’Arac a ètabli sa renommèe dans les raves italiennes en produisantune ethnotrance dèbridèe . Comme pour marquer une parenthèse à leurs aventures soniques, le groupe italienne sort un album
de folk-rock beau et èpurè. Alessandro Coppola, son leader charismatique , a choisi un rèpertoire allant ses propres compositions aux chants traditionnels du Salento, au sud-est de l’Italie. Issu lui-meme de la ville de Lecce, Coppola affirme son attachement profond au patrimoine populaire de sa ragion natale. Les dialectes, l’art des tambourinaires, les tarentelles, les douces sèrènades, les chants issus de la culture hellèniste, les mèlopèe ayant pour themes l’enracinement des uns, l’exil des autreset meme le ressentiment face à la trahison sont magnifies par le jeu instrumental et vocal plein de conviction et d’ intensté des musicians.(…)
- P.C.


(...) Jméno Nidi d’Arac je anagramem pro Aracnidi, což je pøírodopisné oznaèení živoèišné tøídy pavoukovcù. Italsky znamená nidi také hnízdo, a to vybízí k dalšímu výkladu: jedná se o tajemné místo, kde jsou tedy ty záhadné tradice uloženy. Skupina spojuje rytmus taranty s flétnou, houslemi i hutnou elektronikou "zvukového manipulátora", který je stálým èlenem kapely. Nidi d’Arac se poprvé objevili spolu s dalšími jihoitalskými skupinami na sampleru Figli di Annibale (Hannibalovy dìti), což byl zároveò soundtrack k filmu o bankovním lupièi. První samostatné CD Mmacarie vyšlo spoleènì s knihou o tarantismu. Druhé už pøinášelo fuzi, od Salenta pøes Albánii až po støední Východ: jeho titul Ronde Noe - Microchips Sulla Terra Del Rimorso zároveò odkazoval k "zemi výèitek svìdomí" Ernesta De Martina. pøedposlední album Jentu je obohacené o balkánské dechy i indické nástroje.
Novinka skupiny z konce loòského roku St. Rocco’s Rave, je inspirována letní poutí svatého Rocha, která je také nejstarším trhem v jižní Itálii. Probíhá 15. srpna soubìžnì na nìkolika místech, prodávají se tu domácí zvíøata, hosté ze sousedních krajù i Romové obchodující s koòmi táboøí ve stanech, souèástí je náboženské procesí s hlasitým doprovodem tamburín, v pøedveèer svátku se tanèí u ohòù až do rána. Jižní Itálie nemìla svùj Woodstock, ale každé léto se na pou? sjede 50 tisíc návštìvníkù, kteøí bubnují a tanèí celou noc.
Animované logo skupiny Nidi d’Arac ukazuje dva muže tanèící ‘la danza dei coltelli’, tedy "tanec s noži", který vznikl jako spojení tancù místních s tìmi, které sem pøivezli Romové z Indie. Muži tanèí v párech a pøedstírají že spolu zápasí, ale dotýkají se jen prsty. Vyhrává ten, který jako první prstem "bodne" svého partnera.
http://world.freemusic.cz/index.php/uni-2006/

- Petr Doruzka


(...) Jméno Nidi d’Arac je anagramem pro Aracnidi, což je pøírodopisné oznaèení živoèišné tøídy pavoukovcù. Italsky znamená nidi také hnízdo, a to vybízí k dalšímu výkladu: jedná se o tajemné místo, kde jsou tedy ty záhadné tradice uloženy. Skupina spojuje rytmus taranty s flétnou, houslemi i hutnou elektronikou "zvukového manipulátora", který je stálým èlenem kapely. Nidi d’Arac se poprvé objevili spolu s dalšími jihoitalskými skupinami na sampleru Figli di Annibale (Hannibalovy dìti), což byl zároveò soundtrack k filmu o bankovním lupièi. První samostatné CD Mmacarie vyšlo spoleènì s knihou o tarantismu. Druhé už pøinášelo fuzi, od Salenta pøes Albánii až po støední Východ: jeho titul Ronde Noe - Microchips Sulla Terra Del Rimorso zároveò odkazoval k "zemi výèitek svìdomí" Ernesta De Martina. pøedposlední album Jentu je obohacené o balkánské dechy i indické nástroje.
Novinka skupiny z konce loòského roku St. Rocco’s Rave, je inspirována letní poutí svatého Rocha, která je také nejstarším trhem v jižní Itálii. Probíhá 15. srpna soubìžnì na nìkolika místech, prodávají se tu domácí zvíøata, hosté ze sousedních krajù i Romové obchodující s koòmi táboøí ve stanech, souèástí je náboženské procesí s hlasitým doprovodem tamburín, v pøedveèer svátku se tanèí u ohòù až do rána. Jižní Itálie nemìla svùj Woodstock, ale každé léto se na pou? sjede 50 tisíc návštìvníkù, kteøí bubnují a tanèí celou noc.
Animované logo skupiny Nidi d’Arac ukazuje dva muže tanèící ‘la danza dei coltelli’, tedy "tanec s noži", který vznikl jako spojení tancù místních s tìmi, které sem pøivezli Romové z Indie. Muži tanèí v párech a pøedstírají že spolu zápasí, ale dotýkají se jen prsty. Vyhrává ten, který jako první prstem "bodne" svého partnera.
http://world.freemusic.cz/index.php/uni-2006/

- Petr Doruzka



Un salento sospeso nel tempo? Che ritorna? Che non cresce? Che resta attaccato alle sue tradizioni?
Cos’è il vostro salento senza tempo?

E' quello che anno dopo anno cambia forma, incontra popoli ed ere ma conserva sempre l'essenza della propria storia e le proprie tradizioni attraverso una memoria che "vive".

Dopo anni di sperimentazione il vostro ultimo lavoro segna un ritorno alle origini, cosa vi ha portato a questa inversione di rotta?

Non si tratta di una inversione di rotta ma semplicemente un mettersi in discussione. Avevamo il bisogno di avvicinarci all'essenza della musica popolare salentina, ed abbiamo pensato di farlo proponendo dei brani tradizionali in acustico.
In effetti, viaggiando, ci siamo resi conto che la musica del sud Italia non si conosce per niente all'estero, abbiamo quindi cercato un modo per confrontarci con le altre musiche del mondo attraverso un album di world-music nel senso classico del termine ed allo stesso tempo cercando quell’intimità che, abituati a suonare con le macchine ogni tanto ci viene a mancare.
Ne è uscito fuori un suono che per quanto possa o voglia essere tradizionale non riesce ad esserlo fino in fondo ma, d'altronde, come potremmo o vorremmo farlo noi che dal 1995 produciamo la nostra musica dagli studi dell'underground romano?.... e comunque il prossimo album sarà tutt'altro che acustico!

Siete stati tra i primi a ibridare la musica popolare salentina, come ricordi le vostre prime sperimentazioni?

Ricordo i primi concerti nell'estate del ‘95 nel Salento quando la gente era abbastanza spiazzata nel sentire tamburelli terzinati suonare sul beat di drum-machines e linee di bassi dub, qualcuno storceva il naso, qualcuno pareva apprezzare. Oggi, dopo più di dieci anni, tutto questo è divenuto un genere musicale e questa per me è una grande soddisfazione.

Avete attraversato e vissuto pienamente la rinascita della pizzica, avete contributo a esportare il salento, come vedete e come vivete questo fenomeno?

Abbiamo lavorato sodo per poter avere dei riconoscimenti in campo internazionale e da qualche anno cominciamo ad avere le nostre soddisfazioni: è già il terzo anno che partecipiamo a festival di world music più importanti d'europa (Francia, Germania, Olanda, Spagna, paesi dell'Est) ed abbiamo delle booking agencies e dei distributori discografici in ogni uno di questi paesi. Quello che mi amareggia è che per fare tutto questo non abbiamo mai avuto nessun aiuto da parte degli enti locali che dicono di essere promotori della cultura salentina ma evidentemente la nostra visibilità internazionale non serve a nessuno!

Vicini alle radici ma allo stesso tempo lontani geograficamente, la distanza dalla propria terra, questo sguardo dall’alto ha contributo a questo approccio nuovo nei confronti della tradizione?

La visione delle mie radici è simile a quella di tutti coloro che decidono di allontanarsi dalla propria terra conservando per anni l'amore e la rabbia dei propri ricordi, questo crea senza dubbio una prospettiva interessante per scrivere musica.
Io penso, tuttavia che gli stimoli ricevuti dai viaggi, dalle esperienze nelle grandi città aiutino ad apprezzare le proprie radici, creando nuove prospettive artistiche e un ulteriore interesse per la diversità delle culture.

Nel vostro repertorio non solo brani della tradizione ma anche molti brani originali, creare nuova produzione è importantissimo, credi che saranno parte del patrimonio delle future generazioni?

Indipendentemente da questo, quello che a me importa e che i i Nidi d'Arac abbiano dato un input a tutti coloro che facendo musica cercavano un modo alternativo di scrivere e produrre in Italia, qualcosa di più "vicino"al proprio modo di essere ma allo stesso tempo utilizzando la modernità e l’originalità che spesso purtroppo mancano.

Come tutte le terre da cui ci si allontana per poi tornare, il Salento ha in sé ricchezze ma anche grandissime carenze. Cosa ami e cosa non sopporti della tua terra?

Amo la semplicità della gente dei paesi della provincia, in loro trovo ispirazione e forza per la mia musica, così come la fierezza che provo a raccontare il Salento passeggiando per le vie del centro con ospiti stranieri.
Non sopporto il fatto che le carenze vengono purtroppo troppo spesso colmate con risorse non appartenenti alla nostra terra (mi riferisco alle risorse umane). In realtà il Salento è pieno di giovani che potrebbero fare e dare tanto: bisognerebbe però dargliene la possibilità.
- Osvaldo Piliego



Un salento sospeso nel tempo? Che ritorna? Che non cresce? Che resta attaccato alle sue tradizioni?
Cos’è il vostro salento senza tempo?

E' quello che anno dopo anno cambia forma, incontra popoli ed ere ma conserva sempre l'essenza della propria storia e le proprie tradizioni attraverso una memoria che "vive".

Dopo anni di sperimentazione il vostro ultimo lavoro segna un ritorno alle origini, cosa vi ha portato a questa inversione di rotta?

Non si tratta di una inversione di rotta ma semplicemente un mettersi in discussione. Avevamo il bisogno di avvicinarci all'essenza della musica popolare salentina, ed abbiamo pensato di farlo proponendo dei brani tradizionali in acustico.
In effetti, viaggiando, ci siamo resi conto che la musica del sud Italia non si conosce per niente all'estero, abbiamo quindi cercato un modo per confrontarci con le altre musiche del mondo attraverso un album di world-music nel senso classico del termine ed allo stesso tempo cercando quell’intimità che, abituati a suonare con le macchine ogni tanto ci viene a mancare.
Ne è uscito fuori un suono che per quanto possa o voglia essere tradizionale non riesce ad esserlo fino in fondo ma, d'altronde, come potremmo o vorremmo farlo noi che dal 1995 produciamo la nostra musica dagli studi dell'underground romano?.... e comunque il prossimo album sarà tutt'altro che acustico!

Siete stati tra i primi a ibridare la musica popolare salentina, come ricordi le vostre prime sperimentazioni?

Ricordo i primi concerti nell'estate del ‘95 nel Salento quando la gente era abbastanza spiazzata nel sentire tamburelli terzinati suonare sul beat di drum-machines e linee di bassi dub, qualcuno storceva il naso, qualcuno pareva apprezzare. Oggi, dopo più di dieci anni, tutto questo è divenuto un genere musicale e questa per me è una grande soddisfazione.

Avete attraversato e vissuto pienamente la rinascita della pizzica, avete contributo a esportare il salento, come vedete e come vivete questo fenomeno?

Abbiamo lavorato sodo per poter avere dei riconoscimenti in campo internazionale e da qualche anno cominciamo ad avere le nostre soddisfazioni: è già il terzo anno che partecipiamo a festival di world music più importanti d'europa (Francia, Germania, Olanda, Spagna, paesi dell'Est) ed abbiamo delle booking agencies e dei distributori discografici in ogni uno di questi paesi. Quello che mi amareggia è che per fare tutto questo non abbiamo mai avuto nessun aiuto da parte degli enti locali che dicono di essere promotori della cultura salentina ma evidentemente la nostra visibilità internazionale non serve a nessuno!

Vicini alle radici ma allo stesso tempo lontani geograficamente, la distanza dalla propria terra, questo sguardo dall’alto ha contributo a questo approccio nuovo nei confronti della tradizione?

La visione delle mie radici è simile a quella di tutti coloro che decidono di allontanarsi dalla propria terra conservando per anni l'amore e la rabbia dei propri ricordi, questo crea senza dubbio una prospettiva interessante per scrivere musica.
Io penso, tuttavia che gli stimoli ricevuti dai viaggi, dalle esperienze nelle grandi città aiutino ad apprezzare le proprie radici, creando nuove prospettive artistiche e un ulteriore interesse per la diversità delle culture.

Nel vostro repertorio non solo brani della tradizione ma anche molti brani originali, creare nuova produzione è importantissimo, credi che saranno parte del patrimonio delle future generazioni?

Indipendentemente da questo, quello che a me importa e che i i Nidi d'Arac abbiano dato un input a tutti coloro che facendo musica cercavano un modo alternativo di scrivere e produrre in Italia, qualcosa di più "vicino"al proprio modo di essere ma allo stesso tempo utilizzando la modernità e l’originalità che spesso purtroppo mancano.

Come tutte le terre da cui ci si allontana per poi tornare, il Salento ha in sé ricchezze ma anche grandissime carenze. Cosa ami e cosa non sopporti della tua terra?

Amo la semplicità della gente dei paesi della provincia, in loro trovo ispirazione e forza per la mia musica, così come la fierezza che provo a raccontare il Salento passeggiando per le vie del centro con ospiti stranieri.
Non sopporto il fatto che le carenze vengono purtroppo troppo spesso colmate con risorse non appartenenti alla nostra terra (mi riferisco alle risorse umane). In realtà il Salento è pieno di giovani che potrebbero fare e dare tanto: bisognerebbe però dargliene la possibilità.
- Osvaldo Piliego


I Nidi d'Arac sono la glocalizzazione fatta band. E cioè la prova schiacciante ed incontrovertibile che la musica, da qualsiasi incrocio di parallelo e meridiano arrivi, non ha davvero limiti di fruizione. Ma anzi sfrutta le nuove tecnologie, le "macchine", per farsi più elegante, più intensa, più bella. Quando si dice che la musica è linguaggio universale, si intende anche Nidi d'Arac.
Torna l'allargato combo salentino col quinto album - tenendo fuori la soundtrack di "Figli di Annibale", regia di Davide Ferrario, 1998 -, "St. Rocco's rave", fornito di un impasto sonoro oggettivamente travolgente. A tratti incredibile. Perché la taranta pizzicata, dentro il nuovo lavoro, va ad ibridarsi intelligentemente ma prepotentemente col dub, col rap, con la trance, l'elettronica minimalista, dando vita ad un etno trip-hop da leccarsi i baffi per la ricchezza sonora.
Mentre ho ascoltato, tutte d'un fiato senza che i miei polpastrelli si sognassero neanche per un momento di premere il famigerato skip, le tredici canzoni del disco, non ho potuto fare a meno di sudare. Avrei voluto avere una stanza sei volte più grande di quella che ho, buttarmici in mezzo, correre, ballare, saltare. E anzi poter imparare qualche passo di pizzica de core da una dolce salentina che fosse magicamente materializzata. Insomma avrei voluto - chissà che prima o poi non lo farò - prender parte all'ormai nota festa patronale di San Rocco del 15 agosto a Torrepaduli da cui il disco prende, inglesizzandolo, il nome: l'apoteosi della pizzica, in tutte le sue varianti, ad aspettare l'inizio della locale sagra del bestiame.
Invece ho dovuto sudare comunque, ma rimanendomene ben seduto a scrivere queste righe. E non perché facesse un gran caldo, ma perché i Nidi d'Arac t'arrivano diretti nelle viscere. Anche se non sai davvero un fico secco del Salento e di quanto cultralmente rappresenta.
Tutto ciò accompagnato da un nitore strepitoso, una pulizia negli arrangiamenti davvero notevole. Insomma: un livello sia compositivo che esecutivo alto.
Una ritmica a tratti allucinogena, tribale nel senso sanguigno del termine, va a tessersi con campioni e programmazioni sempre discreti, mai straripanti, ma perfetti e prorompenti. All'interno di una struttura così architettata vanno poi ad intarsiarsi, come gioielli ad incastro, le melodie tanto particolari, polverose, sofferenti e sensuali che sono quelle della pizzica salentina, coi suoi tamburelli, coi suoi violini-sitar sempre lievemente scordati, con i suoi testi di vita e morte, sangue e passione, giorno e notte. I suoi testi che, semplicemente, narrano Esistenze. Che acquistano così - pur mantenendo il loro timbro inequivocabile, profondamente dionisiaco, antropologicamente fondato, pesante, pregnante, spietato a tratti - una veste sicuramente più accattivamente per chi non ami la pizzica così com'è.
Dall'attacco programmatico "Straniero del mondo" alla mefistofelica "Sogno", passando per il cantilenante rappato "Quante tarante?" fino alla title-track "St. Rocco's rave" e alla squisita "Gocce" i Nidi d'Arac meritano una cosa sola, ormai (anche se loro magari se ne fregano): uscire dal cantuccio di gruppo folk, etnico, world o come cavolo si dice oggi.
Qui c'è Musica. Ottima Musica. - Simone Cosimi


I Nidi d'Arac sono la glocalizzazione fatta band. E cioè la prova schiacciante ed incontrovertibile che la musica, da qualsiasi incrocio di parallelo e meridiano arrivi, non ha davvero limiti di fruizione. Ma anzi sfrutta le nuove tecnologie, le "macchine", per farsi più elegante, più intensa, più bella. Quando si dice che la musica è linguaggio universale, si intende anche Nidi d'Arac.
Torna l'allargato combo salentino col quinto album - tenendo fuori la soundtrack di "Figli di Annibale", regia di Davide Ferrario, 1998 -, "St. Rocco's rave", fornito di un impasto sonoro oggettivamente travolgente. A tratti incredibile. Perché la taranta pizzicata, dentro il nuovo lavoro, va ad ibridarsi intelligentemente ma prepotentemente col dub, col rap, con la trance, l'elettronica minimalista, dando vita ad un etno trip-hop da leccarsi i baffi per la ricchezza sonora.
Mentre ho ascoltato, tutte d'un fiato senza che i miei polpastrelli si sognassero neanche per un momento di premere il famigerato skip, le tredici canzoni del disco, non ho potuto fare a meno di sudare. Avrei voluto avere una stanza sei volte più grande di quella che ho, buttarmici in mezzo, correre, ballare, saltare. E anzi poter imparare qualche passo di pizzica de core da una dolce salentina che fosse magicamente materializzata. Insomma avrei voluto - chissà che prima o poi non lo farò - prender parte all'ormai nota festa patronale di San Rocco del 15 agosto a Torrepaduli da cui il disco prende, inglesizzandolo, il nome: l'apoteosi della pizzica, in tutte le sue varianti, ad aspettare l'inizio della locale sagra del bestiame.
Invece ho dovuto sudare comunque, ma rimanendomene ben seduto a scrivere queste righe. E non perché facesse un gran caldo, ma perché i Nidi d'Arac t'arrivano diretti nelle viscere. Anche se non sai davvero un fico secco del Salento e di quanto cultralmente rappresenta.
Tutto ciò accompagnato da un nitore strepitoso, una pulizia negli arrangiamenti davvero notevole. Insomma: un livello sia compositivo che esecutivo alto.
Una ritmica a tratti allucinogena, tribale nel senso sanguigno del termine, va a tessersi con campioni e programmazioni sempre discreti, mai straripanti, ma perfetti e prorompenti. All'interno di una struttura così architettata vanno poi ad intarsiarsi, come gioielli ad incastro, le melodie tanto particolari, polverose, sofferenti e sensuali che sono quelle della pizzica salentina, coi suoi tamburelli, coi suoi violini-sitar sempre lievemente scordati, con i suoi testi di vita e morte, sangue e passione, giorno e notte. I suoi testi che, semplicemente, narrano Esistenze. Che acquistano così - pur mantenendo il loro timbro inequivocabile, profondamente dionisiaco, antropologicamente fondato, pesante, pregnante, spietato a tratti - una veste sicuramente più accattivamente per chi non ami la pizzica così com'è.
Dall'attacco programmatico "Straniero del mondo" alla mefistofelica "Sogno", passando per il cantilenante rappato "Quante tarante?" fino alla title-track "St. Rocco's rave" e alla squisita "Gocce" i Nidi d'Arac meritano una cosa sola, ormai (anche se loro magari se ne fregano): uscire dal cantuccio di gruppo folk, etnico, world o come cavolo si dice oggi.
Qui c'è Musica. Ottima Musica. - Simone Cosimi


Discography

ALBUMS:
TARANTA CONTAINER (GALILEO - 2011)
SALENTO SENZA TEMPO (TARANTULAE - 2007)
St.ROCCO’S RAVE (V2Records 2005)
NIDI D’ARAC Volume 1 (DISCMEDI 2004) distribuited worldwide
JENTU (V2 Records 2003)
TARANTULAE (CNI 2001)
RONDE NOE (microchips sulla terra del rimorso) (CNI 1999)
FIGLI D'ANNIBALE - SOUND TRACK (CNI 1998)
MMACARIE (CNI 1998)

COMPILATIONS:
ITALY
AA. VV. SILA IN FESTA (1998), AA. VV. ENZIMI (1998), AA. VV. LA NOTTE DEL DIO CHE BALLA (1999), AA. VV. FANGO (Legambiente 1999), AA. VV. CNI COMPILATION 2 (1999)
AA. VV. RADIO EDIT (1999), AA. VV. CANZONI PER L' AMBIENTE - SPECCHIO / LA STAMPA (2000)
AA. VV. TARANTULA RUBRA - RADIO ONDA ROSSA (2000), AA. VV. RADICI [suoni e canti delle] (2000)
AA.VV. L’ESPRESSO (2002), AA.VV. TRIBU ITALICHE - WORLD MUSIC MAGAZINE (2007), AA.VV. "Sud Open Source" - L’UNITA (2007), AA.VV. LE ROSE DEL DESERTO SOUND TRACK by Mario Monicelli (2007)

SPAIN
AA.VV. QUINCHOS, nunca mas un niño en la calle
FRANCE
AA. VV. ITALIA NUOVE INDYE - CROSS RECORDS
BRASIL
AA. VV. NEW MILLENIUM ETHNIC – NEWWORLD
GERMANY
AA. VV. A MUSICAL JOURNEY TO ITALY - WELT WUNDER RECORDS
U.S.
AA.VV. SOUND CLASH: THE EXPLOSIVE SOUND SYSTEM SOUND! -VITAMIN INDIE 2002
WORLDWIDE
AA.VV THE ROUGH GUIDE TO ITALIA NOVA- WORLD MUSIC NETWORK 2004

OTHER RELEASES:

UK-CANADA
GAUDI feat A.Coppola in “Ci fice lu mundu” - BASS, SWEAT AND TEARS- INTERCHILL records2004, UK
PORTUGAL
BLASTED MECHANISM feat NIDI D’ARAC in ‘Nde sdai ddhu stae’ – SOUND IN LIGHT – Universal 2007, Portugal

Photos

Bio

"Nidi d'Arac are the epitome of 21st centry folk-rock" - R2

Watch latest videos:

WOMADELAIDE 2013:https://www.youtube.com/watch?v=IAUJ948kmVE&list=UUrVOaZ_F_xUuwgtD5vSfOxw&index=1

PARIS 2013: http://vimeo.com/70848404

BBC LIVE 2012:http://www.bbc.co.uk/programmes/p013kzfl

WOMAD UK 2011: http://www.youtube.com/watch?v=wxIXl0hZxMI

MONTREUX JAZZ 2011: http://www.youtube.com/watch?v=nKlXhnuZH6A

WOMEX in Copenhagen 2010: http://www.youtube.com/watch?v=Qu16RgdueJ0

Babel Med Music 2009 : http://mondomix.com/events/babelmedmusic2009/j-2.htm

Official Video CLIP: http://www.youtube.com/watch?v=CCjHzAVSoxQ&feature=relmfu

MORE VIDEOS AND SOUNDS on : www.nididarac.com

Nidi d’Arac combines tradition to innovation taking the audience to an exciting journey throughout this mysterious land, the rugged region of Salento, tucked away at the heel of Italy’s peninsula.
Lead singer of the band is the musician and ethnomusicologist from Lecce, Alessandro Coppola, whose creativity and love for his land have produced a passionate and mindful research of contents coming from the tradition, the music, the poetry, the folklore of the Mediterranean culture, acquired and elaborated.
'Modernity lives inside all of us, in our way of thinking and in our way of creating’. A.Coppola
The music by NIDI D’ARAC is pure pleasure of dance and sound, it is an ongoing party, it is emotional involvement, it is spirituality. The power of this versatile ensemble is an immediate and almost physical way through, thanks also to the audacious attempt of mixing the traditional triplets rhythm of the tambourine of the Salento ‘pizzica’ (‘sting’ in Italian, a local version of the southern Italian 'tarantella')used as a therapy for the bite of tarantula spider, with the chaotic electronic digital reality.
Guests and runners up at the 1998 edition of the Italian award for young musicians ‘Premio Tenco’, they were the opening act for the Simple Minds concert in 1999, for the Robert Plant concert in Rome, for Joe Zawinul at the 2000 edition of ‘La Notte della Taranta’ and for Kimmo Pohjonen in 2003. They were co-authors, together with Enzo Avitabile e Mory Kante, of ‘Musica a scantinato (MANA E MANE, 1999). They were nominated for the best album in dialect at the 2006 edition of ‘Premio Tenco’ and played together with Lo Cor de la Plana at the 2007 edition of ‘La Notte della Taranta’.
From Salento to Portugal, from the Capoverde islands to Spain, from London to Berlin, from Amsterdam to Paris, all the way to New York the band was able to export the traditional culture rooted in our geographic basin bringing passion and expertise to many important European festivals.

“The modern sound of Southern Italy...fantastic live...” - World on 3 BBC Radio 3

“Nidi D'Arac are southern Italy's answer to Oysterband and Transglobal Underground.” – The Guardian

“Nidi d’Arac are the epitome of 21st century folk- rock.” - R2

“electro-folk driving the rural imaginary to the dance floor.”- Rootsworld

“A cool display of the cutting edge sound of contemporary Salento’’ Songlines

“this album works best when it hits a loose and raucous bar-room vibe fired by a howling, rhapsodic violin.” The Daily Telegraph

“The handsome, firm-looking Mediterraneans have taken their traditional music, melded it with modern influences and made it all brilliantly relevant...” fRoots

“An inventive and involving overhaul of the traditional Italian folk music which on the wholeworks well (…)for anyone who enjoys Gotan Project’s deconstructions of tango this should appeal.”The Independent

« Nidi d’Arac, propose depuis plus d’une décennie une fusion entre musiques urbaines et tarantelle. Avec eux la musique de transe du sud italien est revue à la lumière de l’histoire du rock entre punk et electro ». MONDOMIX

« le groupe Nidi d'Arac et sa tarentelle urbaine qui pousse le curseur encore plus loin”. RADIO FRANCE

MORE VIDEOS AND SOUNDS on : www.nididarac.com