The Running Chickens
Gig Seeker Pro

The Running Chickens

Livorno | Established. Jan 01, 2011 | SELF

Livorno | SELF
Established on Jan, 2011
Band Rock Indie

Calendar

This band hasn't logged any future gigs

This band hasn't logged any past gigs

This band has not uploaded any videos
This band has not uploaded any videos

Music

Press


Great music comes from all over the globe, and this next band certainly proves this with their incredible sound. We are delighted to present the music of The Running Chickens. The talented duo, Stefano Dentone (Voice, Acoustic & Bass Guitars) and Marcello Dondero (Acoustic, Electric, Slide Guitars, Dobro & Mandolin) fit perfectly as the two musicians create a special blend of feel good music. We spoke to Dentone and Dondero recently about the band’s music and other fun facts that will make you an instant fan. Here is what developed from our marvelous online encounter.

Isaac: I would like to ask you for the readers of this online publication who have never heard your music, explain your sound in 5 words:

The Running Chickens: ROCK, ROOTS, BLUESY, DREAMY, ATMOSPHERIC.

Isaac: With respect to musical icons, who would you consider to be your most significant musical influences?

BUDO: The Allman Brothers Band, Pink Floyd, Mad Season.

STEVOLAZ: Elvis Presley, The Rolling Stones, The Allman Brothers Band…

Isaac: Do you have a favorite song to play from your collection so far?

The Running Chickens: We don’t have a single favorite song to play… mostly it depends on our mood… sometimes it is in our song; sometimes it is one of the other artists.

Isaac: I am interested to know who you are listening to at the moment. What bands and artists should we have our ears on right now who you think deserve the spotlight?

The Running Chickens: At this time we’re listening Matt Corby, Jeff Aug, Lee Bains III & The Glory Fires, Grayson Capps… but always we follow with interest the most famous Steven Wilson, Moe, Phish, Umphrey’s Mc Gees, North Mississppi Allstars, Jonathan Wilson… and superstars like Ryan Adams, Derek Trucks, Gov’t Mule or Ray LaMontagne.

Isaac: Since you write your own music; where do you draw inspiration from when you write songs and what’s your favorite part about the process?

The Running Chickens: Inspiration is a strange thing and it depends by many factors: joy, anger, fear, disappointment, feelings, sadness… Everything could be an inspiration for the creative first step!
There is a moment when we combine our ideas… different perspectives come together in one… in that time we have “the promise” of a new song … it’s a draft, it is not yet a finished drawing. Perhaps this is the most exciting moment, because we can give free hand to our imagination.

Isaac: If you could go open up for any artist on tour right now who would it be?

BUDO: Phish, Gov’t Mule.

STEVOLAZ: Eric Clapton, David Gilmour, Neil Young.

Isaac: So, what’s your favorite thing to do when you aren’t writing/producing/playing etc?

The Running Chickens: When we don’t play guitars, we are very normal people :-)… so we love running or go to the beach… we love drinking a good wine or a good beer… spending time with our women or friends… watching old movies on TV… very ordinary things!

Isaac: Now for our non-music question: Name five things you can’t live without?

The Running Chickens: Our women, our dogs, our guitars, our beers (or wine), the sun.

Isaac: What is the most trouble you’ve ever gotten into when you are performing or on the road that you can let us in on?

The Running Chickens: Once we played in a very hot venue. The temperature was so high that our brains had gone haywire!!! We played our songs as always, but with strange arrangements… we were in a trance because the hot, so we improvised… almost like a jam session! At the end of the show, the audience was excited for the new things that we proposed!!!

Isaac: Knowing what you know now, would you do it again?

The Running Chickens: Almost everything … not really all that we have done. We made our share of mistakes.

Isaac: If you were not performing, what do you think you would be doing professionally and why?

The Running Chickens: Actually, we are the indies… we aren’t professional musicians… we’d like to be able to live with the music! In any form, but with the music.

Isaac: What’s your motto or the advice you live by?
The Running Chickens: Being able to do it by yourself.

Isaac: Ten years from now you will be….

BUDO: … teaching the guitar to my son.

STEVOLAZ: I have no expectations… I learned to live day by day.

Isaac: As a great send off, tell us about one of your greatest moments as a performer.

BUDO: A few years ago, at the end of a show, I was approached by a very old man… He looked at me in the eyes and told me with pride: ”… you must not be afraid to play! You are the number one!!!”. I never knew who he was, but I’ll never forget him!

STEVOLAZ: Once we were playing outdoors and the police came to stop the concert… The crowd began to shout and protesting … a few minutes later the police gone away and we start playing a crazy rock and roll stuff! It was exciting!!! - Junior's Cave Online Magazine


by Alessandro Adesso

Uno torna a casa dopo una giornata a seguire interessantissimi corsi su una cosa per la quale dovrebbe fare assistenza e gli viene la curiosità di ascoltare questo cd. Accende lo stereo, mette su il dischetto e già rimane di pietra guardando il display: 16 canzoni per un totale di 63 minuti circa! E cosa mai avranno da dire in cosi’ tanto tempo questi polli che corrono? Schiaccia play, la musica parte e già dopo qualche pezzo si ha una risposta: niente che non si potesse dire in molto meno tempo. Sia chiaro, non sono un purista delle canzoni brevi, ma il punto e’ che qui spesso sono troppo lunghe per come sono strutturate: 16 brani appunto – e già qui il duo poteva pensare di tagliare qualcosa – la cui durata si gira in media attorno ai 4 minuti e spesso arriva quasi a 6, come in Johnny!, rischiando cosi’ di annoiare in più’ di un’occasione.

Che Stefano e Marcello, menti e componenti del progetto, siano ambiziosi non c’è’ dubbio, non si esce con un album cosi’ se non lo si e’ un minimo, ma l’impressione e’ che quest’ambizione rischi di rovinare tutto. D’altro canto si potrebbe ascoltare 3 – 4 pezzi al massimo prima di relegare il cd nella pila del dimenticatoio, ma non e’ cosi’, ed e’ questa la cosa che fa incazzare. Non fosse per l’eccessiva lunghezza questo ”Communication lines restored” sarebbe un disco fantastico: i due dimostrano grande competenza nei loro strumenti, cosi’ come nella composizione arrivando a creare molte canzoni di rara bellezza.

Il genere di riferimento e’ il blues vecchio stampo, quello più’ “sporco”, con richiami al gospel e ai canti degli schiavi e questo si sente sopratutto da certe parti di chitarra o dalle parole – la già citata Johnny!, o Gospel -, ballate acustiche o elettroacustiche come Me, myself and my hairy brother che pur non aggiungendo nulla all’immenso repertorio riescono ad essere molto personali. Ma anche qui siamo ad un’altra nota dolente: troppe ballate, per i miei gusti. Il disco parte bene, con una tripletta che farebbe rabbrividire anche il miglior cantautore, poi pero’ procedendo i pezzi più’ veloci lasciano spazio a momenti più’ lenti e tutta l’opera si perde un po’, ma e’ proprio quando si ha la tentazione di premere stop sul lettore che arrivano brani come People in a difficult moment, il momento migliore del disco, che non e’ certo un pezzo punk, ma riporta l’attenzione a livelli alti.

Meno ballate quindi e più’ pezzi tirati, questo e’ quello che mi piacerebbe sentire dai Chickens. Per il resto il lavoro e’ ben curato, la grafica del cd scarna, ma efficace e la produzione ottima, sopratutto se si considera che e’ stato fatto tutto in casa.

Ecco un’altra band da seguire, ambiziosa come già detto sopra, ma interessante: appurato che meno teste ci sono in una band e meglio e’ – questo e’ il loro pensiero -, i Running Chickens sono composti solo da Stefano Dentone e Marcello Dondero, suonatori di voci, bassi, armoniche, chitarre acustiche ed elettriche, chitarre slide e mandolini che si avvalgono pero’ di altri musicisti chiamati simpaticamente The Phantoms, amici che si prestano con i loro strumenti quali batterie, percussioni, organi vari alla realizzazione di questo piccolo gioiello. Ora aspetto di vedere questi polli dal vivo. - Metrodora


The Running Chickens, composti dai bravi Stefano Dentone e Marcello Dondero, sfornano un sorprendente esordio e mettono in riga tutti i riferimenti che noi del Buscadero abbiamo fatto nostri: chitarre elettriche sferraglianti alla Rolling Stones, dobro con tanto di slide, organi farfisa che profumano di Mexico, inseriti in canzoni che pescano tanto dalle rock ballads, quanto dal blues del Delta, quanto dal jazz di New Oleans.
Il disco scorre via con una incisività sonora veramente sorprendente, tanto che la prima impressione pare quella di trovarsi di fronte a una band che abbia bagnato le proprie chitarre nel Mississippi e sarei veramente curioso di ascoltarli live. Il disco è scaricabile dal loro sito, non lasciateveli scappare! - Buscadero


a cura di Alessio Santacroce

Il progetto The Running Chickens prende quota quando nel 2010 Stevolaz si trasferisce a Livorno e decide di avviare un nuovo progetto musicale insieme all’inseparabile chitarrista Budo Dondero. L’intento è quello di puntare sulla contaminazione tra generi, senza però snaturarne la storia. Partendo dall’aspetto compositivo, e attraverso gli arrangiamenti delle canzoni, il nuovo esperimento ha l’ambizione di avvicinarsi alla musica rock e blues nel senso più viscerale del termine, senza pregiudizi o limitazioni di sorta. L’idea iniziale è quella di realizzare un cd acustico, ma ben presto i due musicisti decidono di arricchire il lavoro con un sound da full band.
Nel 2012 vede la luce il loro primo album, “Communication Lines Restored”, e l’anno successivo l’etichetta Ms Records stringe un accordo con Stevolaz e Budo per la distribuzione digitale del full lenght e la promozione dello stesso attraverso una serie di date nel nord Italia. The Running Chickens si propongono dal vivo principalmente in duo semi-acustico, ma quando hanno a disposizione palchi importanti riuniscono un fidato gruppo di supporto, composto da batteria, basso, tastiera e una seconda chitarra. Su Arondeband un saggio del loro sound. - Demo, Il Tirreno


Mi pare che non manchi di fantasia questo progetto, The Running Chickens, sostanzialmente un duo nelle mani di Stefano Dentone (principale autore dei testi, voce, basso e armonica) e Marcello Dondero (chitarre, mandolino e dobro) che debutta con la bellezza di sedici canzoni e più di un'ora di musica prodotta in casa (tanti gli strumenti aggiunti, con gusto artigianale eppure efficace, dai fiati al pianorte all'organo). Molta carne al fuoco, anche stiliticamente, passando dai poli opposti dell'arrembante southern rock Running Chicken Shoes e della ballad dai profumi roots Proud, a chiudere la scaletta. Nel mezzo tanti stimoli che potremmo genericamente attribuire all'amore verso i seventies americani e un po' oltre, a ritroso nella ricerca di una matrice blues che affiora fra le chitarre squillanti, affilate di Marcello Dondero. Ad esclusiva scelta personale, saltano all'occhio il country rock di Me Myself And My Hairy Brother, le trame sudiste di Drunk e Delta Blues (più chiaro di così), una Old Memories che riporta alla West Coast più sognante insieme alle percussioni e agli spunti psichedelici di Lonesome Blues, per approdare al livido rock dalle tinte quasi Paisley Undergournd di Johnny! ...E si farebbe torto a non ricordare una Ready to Rock con Bob Seger nelle vene, oppure il blues nero e notturno di Gospel. Quello che manca ancora è un poco di organizzazione delle idee, per far si che non scappino di mano in mille rivoli. Insomma, una scrematura nelle scelte, anche se si comprendono le ragioni dettate dalla passione, dentro un progetto che pensato acustico nella formula del duo, ha potuto ampliarsi con le opportunità di una produzione home made. Ci sono però buone potenzialità. - RootsHighway.it


Provate a mettere insieme le voci di Ben Harper e Dave Matthews. Provate ad immaginarlo. Qualcosa di particolarmente bello.

E’ così che ho imparato a conoscere i The Running Chickens. L’aria sognante delle loro canzoni regala ad ogni ascolto qualcosa in più: sensazioni,“Old Memories”, associazioni di idee. Conduce in un mondo in cui si è soltanto “Me, myself and my hairy brother”. Insomma, i livornesi risolvono da subito il problema ancestrale di chi fa musica: comunicare. Non a caso “Communication Lines Restored” è il titolo del loro primo album, interamente autoprodotto. Chitarre, percussioni, armoniche, tastiere e mandolini e hanno cominciato la loro corsa, “Ready to rock”, come loro stessi dichiarano.“Proud” and “Drunk” al tempo stesso.

Sere d’estate, sabbia, una chitarra, gambe incrociate e lucciole a cantare nell’oscurità: l’indie pop/rock che caratterizza l’album, nonostante il gran numero di strumenti usati, riconduce essenzialmente al richiamo di una chitarra. Il binomio musica-voce nei Running Chickens non lascia spazio ad equivoci: l’idea di musica in acustico calza a pennello. E il rievocarli è semplicità, naturalezza, spontaneità, essenzialità ma al tempo stesso schiettezza. Fate girare il loro cd, infilatevi le loro scarpe e cominciate a correre insieme a loro, alla meravigliosa scoperta di "other times and other places". Chissà, tra spiagge e suonate in duetto con cicale stanche, riprenderete la corsa con qualche granello di sabbia tra le suole consumate: sarà un solletichìo non privo di significato. Emblematico. Provare per credere. - Rock.It


Discography

2012 - Communication Lines Restored - self produced

Photos

Bio

Marcello Dondero, nato a Genova nel 1974, per gli amici “Budo”, comincia a suonare la chitarra fin da giovanissima età. Amante della musica nel più ampio dei significati, viene subito affascinato dal rock. I primi anni li trascorre suonando con amici e compagni di studi ai tempi del liceo, affrontando diversi generi: rock tradizionale,  underground, sperimentale , grunge.

Durante i primi anni di università, attraverso un comune amico, conosce Stefano “Stevolaz” Dentone, nato a Lavagna (Ge) nel 1973, appassionato di rock nel senso più classico e fan accanito di Elvis Presley. Proprio ascoltandolo per puro caso canticchiare un pezzo del Re, Budo capisce  che Stevolaz ha delle potenzialità come cantante e i due cominciano a stringere amicizia. Non passa molto tempo e, insieme ad altri amici , decidono di fondare un gruppo che suonasse rock’n’roll dal nome Big Boss Band.

Dopo i primi anni, fatti di numerose serate nei locali genovesi, Stevolaz impara a suonare la chitarra acustica e comincia anche l’attività compositiva. Dopo questo periodo le strade dei due si separano temporaneamente. Infatti Budo decide di entrare a far parte di una band più esperta chiamata The Used Cars. Lo stesso Budo suggerirà il suo sostituto nella Big Boss Band e continuerà comunque, negli anni, a collaborare con Stevolaz e il suo gruppo.

Gli anni con The Used Cars sono ricchi di attività e di soddisfazioni per Budo. Numerose date live, tre cd autoprodotti all’attivo (The Used Cars del 1998, Big River’s Brothers del 2000 e  Lifetime Warranty del 2008) e alcune partecipazioni ad eventi speciali (aperture di concerti di Alvin Lee nel 2000 e degli America nel 2004 e la partecipazione all' obiettivo BLUESIN al Pistoia Blues nel 2005), affinano la sua esperienza e la sua personalità come musicista nell’ambito del genere affrontato: il rock americano classico, con venature blues, southern e roots.

Nel frattempo Stevolaz continua la sua attività con la Big Boss Band fatta di numerose serate live e, contemporaneamente, continua ad esercitarsi nella scrittura musicale. Realizza insieme a Budo un cd in duo acustico registrato in presa diretta (One Way nel 2003) e, come solista, un paio di album con il suo “home-studio” (Guitar Chords nel 2005 e Rock On nel 2006). Infine, dopo anni di alternanze all’interno della “line-up”, riesce anche a realizzare un album con la Big Boss Band (12 Miles del 2008).

Quando nel 2010 Stevolaz si trasferisce da Genova a Livorno, lui e Budo decidono di avviare un nuovo progetto musicale insieme. L’intento è quello di cercare una prospettiva diversa all’interno della musica rock, che vada alla ricerca della contaminazione tra i generi, senza però snaturarne la storia. Partendo dall’aspetto compositivo e attraverso gli arrangiamenti delle canzoni, il nuovo progetto ha l’ambizione di avvicinarsi alla musica rock nel senso più viscerale del termine, senza pregiudizi o limitazioni di sorta.

Nascono così THE RUNNING CHICKENS.

All’inizio l’idea era quella di realizzare un cd acustico ma, in fase di pre-produzione i due si rendono conto che il materiale permette “qualcosa in più” e quindi decidono di arricchire il lavoro con un sound da “full-band”. Ecco quindi che nel 2012 vede la luce il loro primo album Communication Lines Restored.

Il singolo “Old Memories”, estratto dall’album, viene notato dall’etichetta labronico-londinese Ghost Label e inserito nella compilation The Bridge, dove i Running Chickens vedono il loro pezzo pubblicato insieme a quelli dei gruppi rock indipendenti più interessanti di Livorno.

Nell’estate del 2013 l’album viene notato dall’etichetta indipendente di Varese MS RECORDS che stringe un accordo con i Chickens per la distribuzione digitale dell’album e per la promozione dello stesso attraverso una serie di date “live”.

The Running Chickens si propongono dal vivo principalmente in duo semi-acustico, con una formula inusuale in cui la pienezza e la profondità del suono possono essere degni di una band al completo. L’utilizzo di effettistica, discreto ma significativo su chitarra elettrica e voce, permette al duo esibizioni dalle atmosfere originali e niente affatto comuni nel panorama musicale “live”, e, al contempo, riesce a richiamare i riferimenti musicali più classici del loro sound.

Quando si è in presenza di palchi o situazioni che lo richiedano, i Chickens hanno a disposizione un fidato gruppo di supporto, composto da batteria, basso, tastiera e una seconda chitarra elettrica.


Band Members